Home Servizi U.R.P. Elenco siti tematici CUP INTRAMOENIA (ALPI) Liste di attesa Cerca protocollo@pec.aslromad.it
Azienda
Direzione
Dipartimenti e Aree
Comitati e Commissioni
Distretti Sanitari
Carta dei Servizi
Dati e Statistiche
Accesso agli atti, accesso civico e accesso civico generalizzato
Adempimenti Legge 136/10
Codice Univoco Ufficio
Comunicati
Informativa ai creditori DL 35/2013
Info Fatturazione Elettronica
Eventi
  Fund Raising  
Foto/Video Gallery
Modalità di Pagamento
Patrocinio
Privacy
U.R.P.
Utilizzo Sale Riunioni
Legali patrocinio Azienda
Patrocinio legale dipendenti
Formazione
Convegni
Frequenze Volontarie
Inserimenti Lavorativi
Tirocini
Albo Professionale Aziendale
 
 
Rassegna Stampa
 
Logo Linea Amica
 
LAZIO escape
 
Biblioteca Alessandro Liberati
 
Nasce una mamma

Sicurezza sul lavoro
Lo screening del tumore della mammella

Il carcinoma della mammella è il tumore più frequente tra le donne. In Italia, ogni anno, si verificano circa 30.000 nuovi casi e si hanno circa 12.000 decessi per questa causa.

Negli ultimi anni si è assistito ad un piccolo, ma costante aumento della sua incidenza dato che la probabilità di ammalarsi aumenta progressivamente con l'età ed è quindi legata all'aumento della vita media.

Tuttavia si assiste anche ad una riduzione del tasso di mortalità di circa il 20%, che è dovuto per il 55% all'efficacia delle nuove terapie, ma per il 45% alla diagnosi precoce, legata sia ai programmi di screening organizzati che ad una maggiore sensibilità delle donne verso la prevenzione.

Attualmente si calcola che in Italia vivano più di 210.000 donne che sono, o sono state affette dal carcinoma della mammella.

Inoltre L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) ha stimato che la probabilità di morire a causa di un cancro della mammella è ridotta del 35% per le donne tra 50 e 69 anni di età, che partecipano ad uno screening organizzato su invito attivo, effettuando una mammografia biennale, secondo le indicazioni delle linee guida internazionali.

Per questi motivi, in accordo con quanto disposto a livello Nazionale ed Europeo, l'Azienda USL Roma 3 ha attivato il programma di screening mammografico, rivolto a tutte le donne di età compresa tra i 50 ed i 69 anni residenti sul territorio dei Distretti Sanitari X (ex XIII), XI (ex XV), XII (ex XVI) Municipio e nel Comune di Fiumicino.

OBIETTIVI DELLO SCREENING 

L'obiettivo principale è quello di diminuire la mortalità per tumore della mammella e di migliorare la qualità della vita delle donne ammalate; infatti lo screening si basa sull'anticipazione diagnostica, che consiste nell'evidenziare un tumore in una fase pre-clinica, cioè prima che compaiano i sintomi.

Ciò permette di asportare tumori anche molto piccoli, che non si sono ancora diffusi e che quindi necessitano solo dell'asportazione di una parte della mammella (nodulectomia e quadrantectomia) con danni estetici e funzionali estremamente ridotti.

CHE COS'E' UNO SCREENING DI POPOLAZIONE

Lo screening  non è una singola prestazione, è un percorso, è un invito a donne sane, prive di sintomi, ad effettuare gratuitamente una mammografia ogni due anni.

Lo screening è una presa in carico della donna, infatti, qualora questa mammografia evidenzi delle anomalie vengono garantiti, sempre gratuitamente, tutti i successivi accertamenti necessari per giungere ad una diagnosi, nonché l'eventuale terapia (intervento chirurgico) ed i controlli oncologici che dovessero essere necessari, il tutto prenotato direttamente, in tempi brevi, dal centro di coordinamento, che accompagna le donne che si affidano allo screening in tutto il percorso diagnostico-terapeutico.

LO SCREENING MAMMOGRAFICO NELLA ASL ROMA 3 

 Le donne di età compresa tra i 50 ed i 69 anni vengono invitate, con una lettera spedita al loro domicilio, ad effettuare una mammografia presso il presidio sanitario a loro più vicino, in particolare le donne residenti nei Municipi XI (ex XV) e XI (ex XVI) vengono invitate presso il Policlinico L. Di Liegro, via dei Badoer n. 5, 00148 Roma, mentre le donne residenti nel Municipio X (ex XIII) e nel Comune di Fiumicino vengono invitate sull'Unità Mobile Mammografica, un camper che viene posizionato presso vari Presidi del vasto territorio, al fine di avvicinarci il più possibile al loro domicilio, evitando spostamenti spesso non molto agevoli.

In caso di esame normale, la risposta viene inviata a casa con una lettera.

In caso di esame dubbio o francamente positivo la donna viene chiamata telefonicamente per eseguire un approfondimento diagnostico, che può consistere in un'altra proiezione radiografica, nell' ingrandimento di un particolare, in un'ecografia o in un agoaspirato

Questi esami di II livello vengono effettuati in due sedi: il Policlinico L. Di Liegro, via dei Badoer n. 5, 00148 Roma, per le donne che hanno effettuato la mammografia nella sede stessa ed il Poliambulatorio di via Casal Bernocchi n° 61 per le donne che hanno effettuato la mammografia sull'Unità Mobile Mammografica.

Al termine di questo secondo livello è possibile che gli esami eseguiti abbiano dato esito favorevole e quindi il referto normale verrà comunicato immediatamente alla donna.

Se è stato effettuato un agoaspirato la risposta verrà comunicata dopo alcuni giorni, il tempo necessario perché un Medico Anatomopatologo possa esaminare le cellule prelevate.

Se il referto conferma la presenza di una formazione sospetta, da asportare, alle utenti verrà fissato un appuntamento con un Medico Chirurgo particolarmente esperto nella chirurgia della mammella, presso l'Ospedale G.B. Grassi, per le donne che risiedono nel Distretto Sanitario X (ex XIII) e nel Comune di Fiumicino, e presso il Policlinico "Luigi Di Liegro" per le donne che risiedono nei Distretti Sanitari XI (ex XV) e XII (ex XVI).

L'intervento chirurgico verrà eseguito rispettando le Linee Guida Nazionali ed Europee, utilizzando sempre, se possibile, la nodulectomia o la quadrantectomia e la tecnica del linfonodo sentinella, che permette di evitare lo svuotamento del cavo ascellare, evento che, com'è noto, comporta spiacevoli esiti a distanza.

PERSONE CON HANDICAP MOTORIO

Le persone con handicap, anche transitorio, possono comunque effettuare la mammografia nell'ambito del programma di screening comunicando la problematica al numero verde 800.634.634.

Verrà loro fissato un appuntamento presso una struttura priva di barriere architettoniche:

Per le residenti nel Comune di Fiumicino o nel X (ex XIII) Municipio l'esame verrà effettuato presso il Poliambulatorio di via Casal Bernocchi n° 61.

Per le residenti nei Municipi XI (ex XV) e XII (ex XVI) non ci sono problemi poiché il Policlinico L. Di Liegro, non ha barriere architettoniche.

LA MAMMOGRAFIA

E' un esame radiografico eseguito da Tecnici Sanitari di Radiologia Medica che sono stati sottoposti ad una formazione specifica per i programmi di screening ed utilizzano macchinari di ultima generazione, tecnologicamente avanzati e regolarmente controllati al fine di ridurre al minimo l'esposizione ai raggi X.

Vengono effettuate due proiezioni per ogni mammella e per fare ciò è necessario comprimere la mammella tra due supporti di plastica, per ridurne lo spessore e migliorare la qualità dell'immagine.

Tale procedura può recare dolore o fastidio ad alcune donne, ma dura pochi minuti.

La mammografia è l'unico esame veramente efficace per lo studio della mammella, soprattutto nelle donne di età superiore a 50 anni e tale esame non è alternativo all'ecografia, quest'ultima può invece essere utilizzata come integrazione della mammografia in casi particolari.

Tuttavia ogni test, ogni esame, ovunque effettuato,  può dare esito a "falsi negativi" e a "falsi positivi"; questi errori diagnostici sono legati a diversi fattori, che vanno dall'età della donna alle dimensioni del tumore, dalla presenza di esiti di interventi chirurgici precedenti o di fenomeni infiammatori, al vero errore di interpretazione dell'immagine.

Non è attualmente possibile azzerare gli errori diagnostici, ma nei programmi di screening organizzato vengono ridotti al minimo per l'utilizzo di criteri e di controlli di qualità.

In particolare:

  • I Tecnici Sanitari di Radiologia Medica che effettuano gli esami sono stati formati ad hoc per lo screening in centri regionali d'eccellenza.
  • Ogni radiogramma viene esaminato separatamente da due Medici Radiologi e qualora il loro referto non coincida si passa ad un approfondimento diagnostico (altra proiezione, ingrandimento o ecografia).

I Medici Radiologi che si occupano di screening hanno seguito dei corsi di formazione specifici, dedicano alla lettura dei radiogrammi di screening almeno il 50% del loro orario lavorativo ed arrivano a leggere fino a 10.000 mammografie l'anno, acquisendo perciò un'altissima competenza specifica.

  • Le apparecchiature utilizzate sono sottoposte regolarmente a controlli, revisioni ed aggiornamenti.
  • Tutto il personale segue programmi di formazione continua specifica.
  • Regione Lazio - Screening Regione Lazio effettua un monitoraggio costante sulla qualità dei programmi di screening delle ASL della Regione.

GLI ESAMI DI SECONDO LIVELLO

Se la mammografia evidenzia un'anomalia o se il referto dei due Medici Radiologi non è concorde è necessario passare ad un esame di secondo livello.

In molti casi è sufficiente confrontare l'attuale mammografia con quella precedente e questo viene fatto automaticamente se i precedenti esami sono stati effettuati con il programma di screening; infatti tutte le mammografie effettuate sono conservate nei nostri archivi. In caso contrario alla donna viene fissato un nuovo appuntamento pregandola di portare con sé gli esami precedenti.

GLI ATTORI DELLO SCREENING MAMMOGRAFICO

I NOSTRI RISULTATI

Nell'anno 2015  
Donne tra i 50 e i 69 anni invitate 39.281
Donne che hanno aderito 17.173
Donne che si sono sottoposte a approfondimenti di II° livello 921
Casi maligni identificati

94

Tasso di invio ad approfondimenti diagnostici                     5%

SE C'E' QUALCOSA CHE NON VA....

PER SAPERNE DI PIU'

 Per qualsiasi altra informazione può rivolgersi al Numero Verde degli Screening Oncologici (800 - 634 - 634) dal lunedì al venerdì 8.30-17.00

Link utili

Regione Lazio-Salute Lazio

Osservatorio Nazionale Screening

Gruppo Italiano Screening Mammografico

Senologia

FONCaM - Forza Operativa Nazionale sul Carcinoma Mammario - Linee Guida

La Prevenzione e Conoscere la Malattia - Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro

Servizi ai cittadini
Servizi alle imprese
Ospedali
Modulistica
Vaccinazioni
Amministrazione trasparente
Amministrazione trasparente
Dedicato a ...
Bambini e Giovani
Donne
Terza età
Disabili
Disagio Psichico
Stranieri
Alzheimer
Partecipazione
Donare Sangue di Cordone Ombelicale
Donare Sangue
Donare Organi
Volontariato
La Voce dei Cittadini
Audit Civico
Area Riservata
Intranet
Statistiche
Medici e Pediatri
   
Zanzara CHIKUNGUNYA
Screening Femminili
Campagna Antinfluenzale Stagionale
Guida per l'uso sicuro dei farmaci
 
 
partecipa.gov.it
 
Consultorio Ostia
 
Ser.T Area Litorale
Azienda USL Roma 3
Sede Legale: Via Casal Bernocchi, 73 - 00125 Roma - C.F. - P.IVA 04733491007
I contenuti del sito sono a cura dell'URP.